Scommesse sportive, alla scoperta degli errori più frequenti

Maggio 5, 2019

Nel momento in cui si sceglie di provare con il mondo delle scommesse online sportive, è bene capire come affrontare un campo ricco di pericoli, soprattutto per chi decide di giocarsi ogni volta i propri soldi. Insomma, prima di poter dire di essere un professionista, è necessario chiaramente studiare e approfondire le proprie conoscenze, non solo in merito alle varie tipologie di scommesse, ma anche in relazione all’evento su cui si ha intenzione di puntare.

Gli errori più frequenti: il raddoppio della puntata

Ci sono alcuni errori che capitano molto di frequente, da cui i giocatori non riescono proprio a trarre alcun insegnamento e, di conseguenza, finiscono con il perdere continuamente soldi. Uno dei migliori consigli da seguire, ad esempio, è quello di non raddoppiare mai la propria puntata. Nonostante si tratti di una strategia particolarmente diffusa tra i giocatori moderni, è abbastanza chiaro come non abbia alcun fine pratico, in fin dei conti. Si tratta di una tattica che nacque esclusivamente per il gioco della roulette. Il raddoppio della puntata serve, o meglio servirebbe, a non perdere a lungo termine le scommesse, dal momento che prima o poi le perdite verranno compensate da una scommessa vincente. Eppure, ci sono due aspetti, che vanno a screditare tale teoria. Il primo è che la puntata continuerà ad aumentare in modo esponenziale nel corso di una serie di scommesse perdenti. E il rischio di finire i soldi in men che non si dica è praticamente dietro l’angolo. Un altro fattore che incide negativamente su tale scommessa è legato al fatto che i bookmakers con marchio AAMS presentano delle limitazioni delle puntate. Quindi, gli utenti possono scommettere l’importo voluto fino al raggiungimento di determinate soglie, oltre le quali non si può proprio andare.

Il bonus di benvenuto? Un’arma a doppio taglio

Un altro accorgimento da tenere in considerazione è che non bisogna concentrarsi eccessivamente sul bonus. Il bonus di benvenuto non è completamente da incensare, dal momento che si tratta di una vera e propria arma a doppio taglio. Consente inizialmente di poter vincere scommesse senza spendere soldi, ma al contempo, spesso e volentieri sono previsti dei requisiti di scommessa molto rigidi, imposti prima ancora di poter effettuare qualsiasi prelievo dal proprio conto di gioco. Capita piuttosto di frequente che il bonus di benvenuto che viene offerto dai casino online sia del 100% sul primo versamento che viene effettuato dal giocatore. Ad ogni modo, c’è la necessità di investire il bonus, ma anche il deposito iniziale un certo numero di volte, con il problema che tanti bookmaker marchiati AAMS hanno stabilito numerosi vincoli anche per quanto riguarda la quota minima che si può puntare.

Cash-out: sì o no?

Un altro “pomo della discordia” è rappresentato certamente dal cash-out, ovvero un’opzione di prelievo del tutto particolare che può garantire un beneficio sulle proprie scommesse nel caso in cui venga eseguita ad un certo punto durante un evento live. Il problema principale è che le vincite, nella maggior parte dei casi, sono nettamente inferiori rispetto all’importo della somma che è stata scommessa.